“Non dimentichiamo che le piccole emozioni sono i grandi capitani della nostra vita e che obbediamo a loro senza saperlo” (Vincent Van Gogh)

Van Gogh, che non era di certo uno psicologo, grazie alla sua sensibilità ed esperienza di vita è riuscito ad esprimere un concetto fondamentale sulle emozioni.

Le emozioni sono “i grandi capitani della nostra vita”, guidano il nostro comportamento determinano chi siamo in un certo momento, come ci sentiamo e quindi anche come entriamo o meno in relazione con gli altri e con il mondo che ci circonda.

Tutto ciò avviene per lo più in modo inconsapevole, “obbediamo a loro senza saperlo”, e, spesso, questo può farci vivere qualche difficoltà lasciandoci nell’ incomprensione di ciò che ci succede.

Se questo è sperimentato quotidianamente dagli adulti ancora di più accade in età delicate come la pre-adolescenza e adolescenza. Imparare ad ascoltarsi, conoscere e riconoscere ciò che accade dentro di noi e accettare senza discriminazione sia le emozioni “belle” che quelle più “brutte”, è un processo complesso ma che dovrebbe andare di pari passo allo sviluppo fisico e psicologico di un individuo.

Le emozioni, tutte, non possono essere spente o semplicemente messe da parte perché sono sempre presenti e, anzi, a volte, non dar loro voce o non sapere come dare loro uno spazio consapevole e gestito può portare a comportamenti dannosi o diventare un ostacolo nella relazione con gli altri.

Spesso i ragazzi e le ragazze sperimentano una molteplicità di sentimenti, anche contrastanti fra di loro, non riescono a capire come si sentono o non riescono a dar voce alle loro emozioni, soprattutto a quelle dolorose come la tristezza o la rabbia considerate “negative” dalla nostra società e che li può far sentire sbagliati spingendoli a reprimerle.

Accompagnarli in un percorso di conoscenza della propria parte emotiva e aiutarli a darle voce in modo costruttivo è, quindi, necessario e fondamentale. Questo processo di conoscenza e consapevolezza del sé  permette, inoltre, di prendere coscienza dei propri bisogni e di quelli altrui. Tutto ciò porta, contemporaneamente, a saper usare il proprio bagaglio interiore per conoscere e comprendere l’altro, saperlo ascoltare e, dunque, relazionarcisi in modo sereno ed equilibrato.

Il centro Capta propone un percorso di 7 incontri dedicato a ragazzi e ragazze dove insieme impareranno a: conoscere e riconoscere le emozioni, esprimere i propri bisogni, desideri, paure, migliorare la capacità di ascolto e gestire meglio i conflitti.

QUANDO: il giovedì dal 7 febbraio al 21 marzo 2019, dalle 17.00 alle 18.30
ETA’: dai 10 ai 13 anni
Costo: 70 €

Le iscrizioni sono già aperte. Se vuoi saperne di più, vieni alla serata di presentazione dei laboratori al Centro Capta, il 27 novembre alle 20.30: ci conosceremo e ti daremo tutte le informazioni necessarie.

Vi aspettiamo al Centro Capta!

(E’ gradita la conferma inviando una mail a info@centrocapta.it)